Special Olympics


Sport, Inclusione, Special Olympics, Play the Games: queste alcune parole che hanno fatto da cornice alla Fase Nazione di Ginnastica Artistica degli Special Olympics che si è disputata sabato 15 e domenica 16 giugno 2019 presso la struttura della Spes Mestre. 

A prendere parte a questa manifestazione, assieme ad atleti provenienti da tutta Italia, c’era anche Giorgia Vignato, giovane ginnasta bellunese portacolori della Juventus Alpina.

La fase di qualificazione svoltasi sabato pomeriggio l’ha vista impegnata nei quattro attrezzi del livello B per la ginnastica artistica: corpo libero, volteggio, sbarra e trave. Con grande impegno e dedizione Giorgia ha affrontato la sua prima gara a livello nazionale, prendendo confidenza con attrezzi ed ambiente che la mattina seguente l’avrebbero vista impegnata nelle finali per attrezzo.

Sempre nella giornata di sabato, in piazza Ferretto, si è svolta la cerimonia ufficiale di apertura dei Giochi; evento che ha visto la partecipazione di tutte le delegazioni e delle autorità, nonché l’arrivo della Torcia Olimpica e conseguente accensione del braciere, giuramento degli atleti e dei giudici.

Dopo tanta emozione ed un meritato riposo le finali si sono svolte nella mattinata di domenica. Tutto l’impegno è stato ricambiato da un’incetta di medaglie. Giorgia torna a casa con la medaglia di bronzo nella specialità del corpo libero, argento alla trave e volteggio, oro allo staggio e nella classifica all-round, portandola così a salire sul gradino più alto del podio ed incoronandola Campionessa Nazionale di categoria.

Tanta l’emozione anche per la famiglia che l’ha accompagnata e sostenuta in questi due giorni di gare, nonché per l’istruttrice che ha vissuto da vicino quest’esperienza davvero speciale ed entusiasmante.

Ora l’estate può iniziare, riposo sole e relax ma noi aspettiamo con ansia il ritorno in palestra per poter migliorare e preparaci per nuove gara; recupereremo le forze durante l’estate pronti per nuovi eventi Special Olympics e per pronunciare ancora una volta con tutti gli atleti il giuramento “Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze”.